Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator website #Poetipost68

#Poetipost68

03/07/22 16:00 - 18:00

Chi è nato negli anni Settanta e Ottanta è stato inevitabilmente segnato, nella sua crescita e formazione personale, da eventi significativi che vanno dalla Perestrojka di Gorbaciov a Chernobyl, dalla caduta del Muro all’uccisione di Falcone e Borsellino, senza dimenticare il ventennio berlusconiano e l’impatto sociale, politico e mass-mediatico che ci ha riguardato.

A tutto questo si è aggiunto il sistema della comunicazione “immediata” che si è imposto a partire dagli anni Novanta, con l’uso dei telefonini, sostituito in pochissimi anni dall’uso degli smartphone, dei social network, delle immagini come stories. Un cambiamento senza precedenti che ha determinato nuovi modi di intendere le relazioni sociali e di rapportarsi col mondo esterno.

Per questi motivi, come gruppo #POETIPOST68, ci sembra necessario chiedersi in che modo la lingua e le forme della poesia della nostra “non-generazione” siano divenute specchio di questi cambiamenti, soprattutto attraverso la sintassi e le scelte lessicali. I poeti nati negli anni Settanta e Ottanta si ispirano ancora alla lingua parlata o tendono a ricorrere a una lingua fortemente letteraria? Per quale motivo? Che ruolo ha, in un simile contesto, il lessico radioattivo dei social, e che ruolo ha avuto quello legato agli oggetti e alla memoria delle nostre infanzie e adolescenze? E poi: è ancora possibile, oggi, parlare di metrica o siamo alle prese con un ritmo prosastico che riguarda, ineludibilmente, il verso e la prosa? E la prosa poetica, così come il poemetto, la scansione in doppia strofa, il capoverso con la minuscola, possono essere considerate tra le forme, le tecniche e le misure più diffusamente utilizzate? Quali sono le ragioni che accompagnano queste scelte?"

Per questi e altri motivi, domenica 3 luglio al Castello Valverde di Bergamo, come gruppo di #POETIPOST68 daremo spazio a un incontro sul tema “Come è fatta la poesia? Lingua, forma e stile” con Fabrizio Bernini, Marco Corsi, Laura Di Corcia, Amos Mattio, Cristiano Poletti e Francesca Serragnoli. Perché la nostra “non-generazione” si accorga, tra progresso e dissolvenza, di sé stessa. Soprattutto, perché si accorga di non essersi accorta.

Programma:
Ore 16, Reading con Agostino Cornali, Alessandro Grippa e Luca Minola.
Modera: Federico Fumagalli.
Ore 16:30, "Come è fatta la poesia? Lingua, forma e stile".
Ore 18:30, "Il mestiere del poeta" con con Nadia Agustoni, Paola Loreto, Maurizio Noris, Giusi Quarenghi.
Modera: Gabrio Vitali.

Castello di Valverde
via maironi da ponte, 3 bergamo alta
Bergamo (BG)
Locandina
Link