Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator website Napoli milionaria

Napoli milionaria

29/01/23 15:30 - 17:30

La collaborazione tra Eduardo e Rota genera un’opera più cupa e amara sia della commedia originaria, sia della sua realizzazione cinematografica: le variazioni apportate nella drammaturgia dallo stesso Eduardo segnalano una disillusione dovuta al rendersi conto del degrado di valori in seguito alla guerra e allo scivolare verso il basso della dignità umana. La borsa nera di Napoli, le vicende amorose tra Maria Rosaria e Johnny, soldato americano, la vita di una povera famiglia oltre il limite della legalità sono interpretati da Rota con un carattere che mantiene attenzione alla parola, senza per questo soverchiare il canto.

Accolta freddamente dal pubblico e censurata da quasi tutta la critica italiana dell’epoca, l’opera è stata ripesa di recente e in parte rivalutata. Quello che sembrava un calderone tra verismo, canzone napoletana, frammenti di colonne sonore cinematografiche e musical americano ora appare un'operazione in cui codici e linguaggi disuguali (musica, prosa, melodramma, cinema, danza) si contaminano e si fondono in modo spesso efficace.
Non un capolavoro, dunque, ma un lavoro interessante, costruito con un sapiente gioco di incastri e contenente pagine di indubbia suggestione.

Vocalmente impegnativa, Napoli milionaria disegna personaggi a tutto tondo, giocando con vitali contaminazioni linguistiche a rendere il caos e lo sbandamento della vita appena conclusa la guerra. Rota rende in musica l’affresco di una Napoli dall’umanità ferita e fragile, non solo materialmente povera, ma che comincia a portare i segni di un’inconsapevole rovina interiore. Rota e De Filippo dimostrano in quest’opera di teatro musicale un forte impegno civile, testimonianza del profondo e felice connubio di due grandi artisti del Novecento italiano.

Prenota il biglietto a questo link.

 

Dramma lirico in tre atti.
Musica di Nino Rota.
Libretto di Eduardo De Filippo, tratto dalla sua omonima Commedia.
Prima rappresentazione: Spoleto, Teatro Nuovo, 22 giugno 1977.
Edizioni: Schott Music GmbH & Co. KG, Mainz.
Rappresentante per l’Italia: Sugar Music, Milano

direttore James Feddeck
regia Arturo Cirillo
scene Dario Gessati
costumi Gianluca Falaschi
ripresi da Anna Missaglia
light designer Fiammetta Baldiserri

coreografo e assistente alla regia Oliviero Bifulco
assistente scenografo Eleonora Ticca

maestro del coro Diego Maccagnola
coro OperaLombardia
Orchestra I Pomeriggi Musicali

con
Mariano Buccino Gennaro Iovine 
Clarissa Costanzo Amalia, sua moglie
Maria Rita Combattelli Maria Rosaria, figlia 
Riccardo Della Sciucca Errico "Settebellizze" 
Marco Miglietta Amedeo, figlio
Francesco Samuele Venuti Johnny, sergente americano 
Giovanna Lanza Adelaide Schiano
Sabrina Sanza Assunta, sua nipote
Roberto Covatta Pascalino "o pittore" 
Giuseppe Esposito O' miezzo Prevete 
Alberto Comes Il Brigadiere Ciappa / Il maresciallo 
Graziano Dallavalle Riccardo Spasiano 
Pasquale Greco Peppe o'cricco
Francesco Cascione Federico
Sara Borrelli* Donna Peppenella 
Maria Luisa Bertoli* Donna Vinzenza
Maria Paola Di Carlo* Una donna del popolo 
Christian Magrì* Una guardia
da definire Rituccia

*Artisti del Coro

allestimento del Festival della Valle d’Itria di Martina Franca
ripreso dai Teatri di OperaLombardia

Teatro Donizetti
Bergamo (BG)
035.4160600
Link Link
Da 12 a 70 euro